In Dc Group il Gender Gap non c'è!

Febbraio 16, 2024

L’Italia è al 79° posto su 146 Paesi per la parità di genere sul lavoro. Lo confermano i dati dell’ultimo Global Gender Gap Report, l’indice nato nel 2006 per misurare annualmente l’evoluzione mondiale della parità di genere. Con orgoglio i dati interni alla nostra azienda confermano che il Gender Gap in Dc Group non c’è

 

I dati sul gender gap in Italia sono allarmanti, nonostante si parli oramai da anni di nuove iniziative e nuovi interventi delle Istituzioni per porre rimedio a questo fenomeno negativo. Secondo l’ultimo il Global Gender Gap Report è evidente, oggi più che mai, <<la necessità di un’azione collettiva, coordinata e coraggiosa da parte dei leader del settore pubblico e privato poiché aumentare la partecipazione economica delle donne e raggiungere la parità di genere nelle posizioni di leadership, sia nel mondo degli affari che nel governo, sono due leve chiave per affrontare i più ampi divari di genere nelle famiglie, nelle società e nelle economie>>.

 

Il report evidenzia la carenza del nostro Paese nel supportare le donne e nel metterle nelle condizioni di essere al pari degli uomini per:

 

  • partecipazione economica e opportunità;
  • livello di istruzione;
  • salute e sopravvivenza;
  • empowerment politico.

 

La ricerca del World Economic Forum ribadisce che la posizione generale del nostro Paese è passata dal 63° posto nel 2022 al 79° posto su 146 Paesi nel 2023.

 

Nello specifiche il gender gap sul lavoro in Italia è un fenomeno complesso che coinvolge molteplici aspetti, tra cui la disparità retributiva, la concentrazione occupazionale, l’accesso alle posizioni di leadership e la conciliazione tra lavoro e vita familiare.

 

Disparità retributiva: Le donne in Italia guadagnano in media meno degli uomini per lo stesso lavoro o per lavoro di pari valore. Questo divario salariale è spesso attribuito a una serie di fattori, tra cui la segregazione occupazionale (le donne tendono a lavorare in settori meno retribuiti), la discriminazione salariale diretta e indiretta, e la mancanza di trasparenza nelle politiche retributive.

 

Concentrazione occupazionale: In Italia, le donne sono spesso concentrate in settori e professioni tradizionalmente femminili, come il settore dei servizi, della cura e dell’istruzione. Questi settori tendono ad essere meno retribuiti rispetto a settori tradizionalmente maschili, come l’ingegneria e la tecnologia.

 

Accesso alle posizioni di leadership: Le donne sono sottorappresentate nelle posizioni di leadership e nei ruoli decisionali all’interno delle aziende e delle istituzioni italiane. Ciò può essere attribuito a una serie di fattori, tra cui la mancanza di programmi di sviluppo del leadership mirati alle donne, le norme culturali che privilegiano gli uomini nei ruoli di leadership e la mancanza di politiche aziendali per promuovere la diversità di genere.

 

Conciliazione tra lavoro e vita familiare: Le donne in Italia spesso affrontano sfide nella gestione della conciliazione tra lavoro e vita familiare, soprattutto a causa della mancanza di servizi di assistenza all’infanzia accessibili e di politiche aziendali favorevoli alla flessibilità lavorativa. Questo può limitare le opportunità di avanzamento di carriera per le donne e contribuire al fenomeno noto come “scelta forzata” tra famiglia e lavoro.

 

Se in Italia il fenomeno è ancora molto penalizzante per l’universo femminile, con orgoglio annunciamo che Dc Group ha sconfitto il divario di genere sul lavoro. DC Group ha affrontato il gender gap sul lavoro attraverso una serie di iniziative mirate e politiche inclusive. In primo luogo, ha implementato una politica di parità salariale, garantendo che uomini e donne siano retribuiti equamente per lavoro di pari valore. Ha anche promosso la diversità di genere nelle assunzioni e nelle promozioni, adottando procedure di selezione e di valutazione che favoriscono la meritocrazia e la rappresentanza equa di entrambi i sessi. Inoltre, l’azienda ha introdotto programmi di sviluppo del leadership specifici per le donne, offrendo opportunità di formazione e mentorship per favorire l’avanzamento delle carriere femminili. Infine, ha implementato politiche di conciliazione tra lavoro e vita familiare, fornendo supporto per la gestione del tempo e delle responsabilità familiari. Grazie a queste iniziative, DC Group ha creato un ambiente di lavoro inclusivo e ha contribuito a sconfiggere il gender gap, promuovendo la parità di opportunità e la valorizzazione delle competenze di tutti i dipendenti indipendentemente dal genere. Nelle prossime pubblicazioni vi daremo evidenza di dati e testimonianze delle donne che rappresentano una colonna portante della nostra azienda!

 

 

 

Translate »

Resta connesso

Iscriviti alla
newsletter

Iscriviti all nostra newsletter per rimanere
aggiornato sul lavoro di DC GROUP
e scoprire tante novitá!